Skin Tanning Mania

La tintarella è un must irrinunciabile per tutti. Siamo in piena stagione primaverile e il desiderio di esporsi al sole per avere la pelle sempre più bronzea e di abbandonare i grigi pallori invernali aumenta a dismisura.

Per molti di noi l’abbronzatura è una vera Skin Tanning Mania, desiderare una pelle dorata, perché dona alla nostra persona un aspetto più sano e luminoso, facendoci sentire immediatamente più belli e sicuri di noi. 

Non sempre è possibile concedersi in questo periodo vacanze o lunghi weekend per abbronzarsi, ma possiamo ricorrere a semplici escamotage per raggiungere il grado di abbronzatura desiderato nel modo più veloce possibile utilizzando un Autoabbronzante, alleato numero uno delle amanti della pelle ambrata.

Quando è nata la cultura dell’autoabbronzanteQuando è nata la cultura dell’autoabbronzante

L’autoabbronzante è un prodotto beauty e il suo scopo è quello di colorare la pelle in un modo simile a quello si otterrebbe trascorrendo qualche ora al sole, ma senza doversi esporre ai raggi solari. Una bella fortuna per chi non ha tempo o voglia ma vuole comunque sfoggiare una tintarella impeccabile. Per questo motivo viene definito anche abbronzante senza sole.

Il primo autoabbronzante nasce nel ’28, ideato dallo stilista Jean Patou: l’huile de Chaldée, il primo solare della storia. Negli anni ’50, poi, una ricercatrice di nome Eva Wittgenstein notò che un dolcificante per diabetici che stava testando macchiava la pelle dei pazienti, ma non i loro vestiti. Fu così che scoprì che uno degli ingredienti, il diidrossiacetone o DHA (uno zucchero 100% naturale), poteva colorare in sicurezza gli strati esterni dell’epidermide.

La cosmesi se ne interessa subito. Di strada se ne è fatta parecchia da allora, sia in termini di tecnologie che di ingredienti. Non bisogna incappare nell’errore di associare i prodotti autoabbronzanti in quelle creme che negli anni ‘90 davano uno spiacevole colorito arancione. I prodotti di oggi hanno formulazioni che consentono un’abbronzatura uniforme, dall’effetto naturale e possibile su qualsiasi tipo di pelle.

All’autoabbronzante, nel 1998, si aggiunse poi l’abbronzatura spray, il primo trattamento colorante conosciuto, che offriva un risultato immediato semplicemente stando in piedi davanti a una macchina automatizzata che spruzzava il corpo da tutte le angolazioni. Questo metodo fece passi da gigante nel 2003 con la nascita del primo kit di abbronzatura spray “pret-à-porter” al mondo, inaugurando così l’era delle abbronzature spray tanto amate dalle celebs americane.

 

Autoabbronzanti: sicurezza e controindicazioni

L’autoabbronzante è un prodotto che contiene DHA, una molecola derivante dalla canna da zucchero. A contatto con la pelle cambia colore, con un’intensità maggiore o minore a seconda della quantità di prodotto applicata. Non stimola quindi la produzione della melanina ma colora lo strato più superficiale della pelle: si tratta di molecole innocue, che reagiscono con la cheratina delle cellule della pelle e rilasciano dopo qualche ora un’abbronzatura nello strato corneo.

Le uniche controindicazioni riguardano allergie a specifici componenti (ma questo vale per qualsiasi prodotto di cosmesi). Unico accorgimento è che l’autoabbronzante non va applicato su ferite o dermatosi preesistenti.

Quindi, se desiderate sfoggiare una pelle abbronzata ma non avete modo di dedicarvi ai bagni di sole, potete utilizzare i prodotti autoabbronzanti senza remore. Infine, non c’è nessuna controindicazione a prendere il sole dopo aver usato questi prodotti, a patto di usare sempre una protezione solare.
Gli autoabbronzanti non sono solo per le patite della Skin Tanning Mania ma anche e soprattutto, per i chi i raggi del sole tende a evitarli, per le pelli chiarissime o per coloro cui l’esposizione al sole è sconsigliata.

Gli Autoabbronzanti That’so

That’so svela il segreto del colore mediterraneo naturale del sole senza sole. Una gamma completa di autoabbronzanti naturali ispirati alla calda luce delle coste italiane. Da anni That’so si dedica alla ricerca.

Le formule degli autoabbronzanti That’so sono orientate verso un effetto sunkissed naturale, proponendo soluzioni adatte a vari colori di pelle. Le texture sono incredibilmente leggere e confortevoli, spray sottili e trasparenti facili da vaporizzare. Contengono preziosi attivi skincare come acido Ialuronico, sostanze antiossidanti e anti-age, dalle profumazioni sensoriali e delicate. Sono testati, sicuri e facili da applicare. Sono indicati sia per donna che per uomo. Scopri la linea di autoabbronzanti più cool premiati come migliori autoabbronzanti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE….