Qual è il fattore SPF migliore per una crema solare per bambini e neonati?

L’estate è arrivata: tutti pronti per portare i bambini al mare! Le vacanze estive sono il momento più atteso dai i bambini, dopo un anno trascorso a scuola i bimbi hanno bisogno di un periodo di riposo, le giornate cambiano ritmo e si fanno più lente e spensierate. Caratterizzate da esperienze nuove, dalla novità della partenza, per chi va in vacanza, o comunque scandite dalle opportunità che offre la stagione estiva: piscina, mare, montagna, vita all’aria aperta, gite fuori porta…

Sole e bambini: la protezione della pelle inizia da piccoli!

blankL’esposizione dei piccoli al sole è spesso un argomento controverso. Il sole dà energia a tutti gli esseri viventi sulla terra, ma può anche danneggiarci. I suoi raggi ultravioletti (UV) possono danneggiare la pelle e gli occhi e le scottature solari durante l’infanzia sono fortemente associate allo sviluppo del melanoma in età avanzata. Un quarto della nostra vita di esposizione al sole avviene durante l’infanzia e l’adolescenza.   Le giornate calde e soleggiate sono meravigliose ed è bene che i bambini trascorrano del tempo giocando e facendo esercizio all’aperto, ma è importante che si divertano in sicurezza. Proteggere i bambini dal sole è fondamentale, poiché la loro pelle ancora in via di sviluppo è sottile ed estremamente sensibile ai raggi UV del sole.

Bambini e neonati hanno bisogno di una protezione speciale?

I neonati di età inferiore ai 6 mesi devono essere tenuti al riparo dal sole il più possibile. Questo perché i neonati non hanno sviluppato completamente la melanina, il pigmento marrone che funge da protezione solare naturale, e, di conseguenza, sono altamente suscettibili alle ustioni. Il modo migliore per proteggere il neonato dai danni del sole è tenerlo all’ombra. 

Tenere bambino di età inferiore a sei mesi lontano dalla luce solare diretta è una buona idea, ma esporre il piccolo a una luce solare mite, soprattutto al mattino è benefico. I raggi UV hanno grandi benefici per la salute se usati correttamente. Un neonato può essere esposto alla luce solare per 10-15 minuti tra le 7 e le 10 per trarne i massimi benefici. Un’ora dopo l’alba e un’ora prima del tramonto sono considerati i momenti migliori ma l’esposizione solare non deve mai superare i 30 minuti.

blankAll’età di 1-3 anni i piccoli possono cominciare a muoversi e a giocare sulla sabbia e nel mare, protetti da un filtro adeguato. Dopo i 3 anni e fino ai 7-8, il margine di libertà diventa più elevato, è possibile far giocare i bambini in maniera più libera, anche sotto il sole, l’importante è farlo nelle ore giuste e cioè sempre prima delle 11.00 e dopo le 17.00 ed esporli gradualmente al sole iniziando con tempi brevi.

La protezione è sempre necessaria! Ma oltre la crema solare per i più piccoli sono anche fondamentali indumenti protettivi, cappelli e occhiali da sole. 

 

La scelta della protezione giusta è la prima cosa

Nella scelta della protezione solare corretta per bambine e bambini bisogna prendere in considerazione non solo tutti quegli aspetti di cui già si tiene conto quando si acquista un generico prodotto solare, ma anche di alcune ulteriori accortezze. 

Innanzitutto, è importante che le protezioni per i nostri figli siano facili da applicare, considerata la loro vita super attiva che si divide al sole tra tuffi e vivaci giochi, che siano resistenti alla sabbia e all’acqua, ma soprattutto che siano sicure per la loro pelle delicata.

Esistono a tal proposito delle formule specifiche per bambini, testate per garantire la massima efficacia e caratterizzate da un alto fattore protettivo (almeno 50 SPF) e dall’assenza di sostanze aggressive, altamente nocive le pelli più sensibili.  

La Baby Formula di That’so SPF Incrementale 50 50+ 50++

blankCon la Baby Formula di That’so con il fattore SPF incrementale il sole non è mai stato così sicuro! 

La tecnologia SPF incrementale è un brevetto italiano che garantisce un aumento graduale del fattore di protezione solare effettuando più applicazioni dello stesso prodotto a distanza di pochi minuti l’una dall’altra. Con una prima applicazione del prodotto si ottiene un SPF 50, applicandolo poi una seconda volta l’SPF aumenta a 50+, per arrivare poi, con la terza applicazione, ad un incremento di SPF del 90% rispetto alla prima applicazione (SPF 50++).

La formulazione è priva di allergeni, pensata appunto per le pelli più sensibili e clinicamente testata 0+ anni. Arricchita con gli oli di Avocado e Jojoba, ingredienti naturali dalle proprietà emollienti, e Vitamina E contro i danni dei radicali liberi, garantisce una protezione ad ampio spettro dalle radiazioni UVA/ UVB senza effetto bianco sulla pelle, offrendo una protezione sicura ed efficace da scottature ed eritemi solari.

Come utilizzare la protezione solare Baby formula incrementale

Per i bambini di età inferiore ai 6 mesi: utilizzare la protezione solare su piccole aree del corpo non coperte da indumenti protettivi, come il viso, le mani e i piedi. Dai 3 anni in su la crema di protezione va spruzzata almeno ogni due ore su tutto il corpo. Sempre e comunque prima dell’esposizione al sole e immediatamente dopo ogni bagno.  Per una protezione solare totale 50++, il prodotto va applicato un paio di volte a distanza di pochi minuti. Spruzzare a 20 cm di distanza dalla pelle, con un movimento continuo e uniforme per un’applicazione perfetta. Per il viso, spruzzare sulle mani e poi stendere sul viso con movimenti circolari. L’erogazione è uniforme e non richiede di essere spalmata. 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE….